Vai al contenuto
Annunci

Zanetti: “Ho le caratteristiche giuste per questa piazza”

Presentazione del nuovo allenatore bianconero, Paolo Zanetti, che questo pomeriggio ha parlato per la prima volta presso l’Hotel Casale di Colli Del Tronto. Sono intervenuti il patron Massimo Pulcinelli, il presidente Giuliano Tosti, il direttore sportivo Antonio Tesoro ed, appunto, il neo allenatore bianconero. Presente anche il primo cittadino Marco Fioravanti.

Massimo Pulcinelli: “Nel primo incontro con Paolo a Roma ho percepito tutte le qualità giuste per guidare la nostra squadra. Ninkovic? Come detto dipenderà dalle proposte. Sicuramente se dovesse uscire arriverà un pari livello. Per adesso abbiamo ricevuto delle offerte intorno ai 3 milioni ma non abbiamo accettato. La curva sud penso che si farà a breve, i progetti sono vari anche al livello di tribuna ovest. Questa società ha bisogno di crescere con progetti giusti per gli sponsor”.

Giuliano Tosti: “Anche io voglio dare il mio in bocca al lupo a Paolo. Porto il benvenuto anche dei tifosi che sicuramente leggono in Zanetti un uomo con la forza interiore molto prorompente. Sono sicuro che sapremo aspettarlo e si instaurerà un bel rapporto. Nel ’68 sposammo Carlo Mazzone come nuovo che avanzava, speriamo che possa essere di ottimo auapicio. Il pensiero della società sulla Curva Sud è quello di abbatterla subito per poi avere subito la voglia di trovare una nuova casa ai nostri tifosi”.

Antonio Tesoro: “Come in tutti i mercati c’erano qualche fondo di verità. Gli interessi ci sono ed avviati i discorsi per Pincinocchi e Petrucci. Buongiorno non ci interessa perché è simile a Quaranta e tendiamo a valorizzare i nostri giocatori. Addae? Abbiamo ricevuto un fax dalla Juve Stabia dove dicevano della trattativa. Su Ganz il Pordenone si interessato ma nulla di concreto. Kupisz al Bari verrà formalizzato il primo luglio. Tendenzialmente ci fa piacere e ci fa gioco che Ninkovic non manifesta la minima voglia di andare via. Ciciretti? Ha un ingaggio importante per la nostra categoria e ad oggi è impossibile pensare di riprenderlo se non a condizioni differenti. A Cascia faremo tre amichevoli più un altro paio in casa con il Dg Lovato che sta cercando le squadre adatte”.

Paolo Zanetti: “Ringrazio i miei giocatori degli ultimi due anni, senza di loro non potrei essere qui. Ora chiudo il passato, ringrazio la società tutta. Quando sono andato via già pensavo che mi sarebbe piaciuto tornare in qualsiasi veste e la vita a volte ti porta dove vuoi. Quando ho sentito la parola “Ascoli” si è acceso un fuoco dentro di me. La piazza si sposa perfettamente con le mie caratteristiche di allenatore: esigente, motivante ed ambiziosa, come il mio stile. È vero che il risultato sportivo nella mia esperienza passata qui, con molti giovani, non è stato centrato ma ho un buon ricordo anche perché ho anche indossato la fascia da capitano. Quell’anno siamo stati apprezzati per l’impegno, li ho capito cosa sia l’Ascoli per il suoi tifosi. Ovviamente mi sono già documentato sulla squadra, lo scorso anno è stato fatto un gran lavoro. Dalle parole del presidentesi avverte che ci si aspetta qualcosa in più. Modulo? In questo momento ho un tipo di eredità dalla gestione precedente e non sarebbe intelligente snaturare il tutto. Inizieremo con una difesa a quattro, abbiamo tanti esterni in rosa. Mi sento comunque un allenatore variabile perché porta anche imprevedibilità: ragionare per principi di gioco e meno di schemi sia davvero importante nel calcio odierno. Credo che le motivazioni siano la benzina di uno sportivo, quello che ti aiuta a fare i sacrifici. Mi è stato chiesto di portare una struttura settimanale di allenamento diversa. Credo che il giocatore si alleni poco rispetto ad un altro sportivo sul suo corpo: cercheremo di curare alimentazione ed altre situazioni. Il metodo che gia fanno, non lo invento io. La squadra è in costruzione, alla domanda degli obiettivi posso rispondere più avanti. Molte persone mi hanno detto che sarei andato in una “piazza calda” ed io ho risposto: “pensa cosa può darmi questa piazza se le cose vanno bene”. Non capisco perché quando si parla di piazza calda lo si fa sempre al negativo. E può essere anche uno stimolo. Auguro a tutti i miei ex giocatori grandi carriere, ma non ho chiesto nessuno alla società”.

Marco Fioravanti: “Il progetto Ascoli Calcio è fondamentale per il rilancio di Ascoli sotto tutti i punti di vista. Cerchiamo di creare relazioni sempre più forti per aprire le porte di Ascoli al livello imprenditoriale. Lo stadio? Abbiamo velocizzato lo smantellamento della curva mobile e poi ci siederemo dal punto di vista tecnico per capire le pieghe di finanziamento per la costruzione. Non siamo annunci sulle tempistiche, prima capiremo dal punto di vista burocratico cosa fare”.

Categorie

News

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: